Sportlive.it » Altri Sport » Atletica: Legnante shock "Non ci vedo piu"

Atletica: Legnante shock "Non ci vedo piu"

La primatista italiana di getto del peso da novembre ha perso la vista, ora punta alle paralimpiadi di Londra 2012.
di Matteo Moscati 10 maggio 2012

"Sogno, anche se non ci vedo piu", con queste parole la pluricampionessa italiana di getto del peso Assunta Legnante ha annunciato sulle pagine della Gazzetta dello Sport la sua perdita totale della vista.
La campana, nata con un problema congenito agli occhi, aveva praticato ad altissimi livelli l'atletica fino al 2004, collezionando un bronzo agli europei juniores, uno alla rassegna per gli Under 23 ed un prestigioso oro ai giochi del mediterraneo di Tunisi 2001, arricchito l'anno dopo da un argento agli europei indoor, specialità di cui è primatista italiana (19,20m).
Poi i primi problemi alla vigilia di Atene 2004 quando il CONI nega l'idoneità fisica per un innalzamento della pressione oculare. Assunta riesce a superare i problemi rimanendo costantemente ai vertici mondiali di specialità e corononando il sogno di prendere parte alle olimpiadi, quelle di Pechino 2008, prima del buio anche uno strepitoso oro agli europei indoor di Birmingham ed un altro argento mediterraneo a Pescara 2009.
A settembre 2009 però i problemi iniziano a farsi serissimi con lo stop alle gare: "Ero in auto e stavo andando al meeting di Padova. Ad un certo punto non vedo più nulla dall'occhio destro, il migliore. Per fortuna non guidavo io". L'epilogo a novembre dello scorso anno quando anche l'occhio sinistro abbandona la Legnante: "Il 9 marzo ho subito l'ultima operazione per togliere la cataratta, non è servita. Ma mi sono detta è andata così, c'è di peggio. E, ora, i miei occhi sono quelli del mio compagno Andrea".
Assunta non si arrende e tornerà in pedana, con l'aiuto del presidente degli sport paralimpici Luca Pancalli, il prossimo weekend dove crecherà il minimo di partecipazione alle paralimpiadi di Londra 2012 sia nel peso che nel giavellotto.

legnante

Foto: Getty Images

Hai trovato interessante questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Commenti