Sportlive.it » Calcio » Guide sul calcio » Come marcare un attaccante

Come marcare un attaccante

Nel calcio, la fase difensiva è uno degli aspetti più curati sotto il profilo tecnico e tattico. Generalmente infatti, la squadra che vince un campionato o un torneo, più ancora del numero di gol segnati, è la migliore in fatto di gol subiti. Per vincere, c'è una regola non scritta: subire poche reti! Ecco allora che se vorrai avere una difesa impenetrabile, oltre ad un corretto atteggiamento tattico, diventa fondamentale l'abilità dei tuoi difensori nel contenimento degli attaccanti avversari.
di marco707 19 luglio 2011
Difficoltà
come-marcare-un-attaccante
  1. Attaccante rapido. Per marcare questo tipo di giocatore, mi auguro tu non sia un difensore di stazza, cioè alto e forte fisicamente, ma, probabilmente, anche un po' lento… Comunque, per marcare un attaccante rapido, occorre stargli incollato fino a quando riceve il pallone e cercare in tutti i modi di non farlo girare. Se invece lui riuscirà a girarsi e ad affrontarti o se, già in possesso del pallone, egli proverà a puntarti, allora dovrai allontanarti un poco, lasciando dello spazio tra te e lui, in modo da poter contenere il suo scatto.
  2. In questa fase – che è la più delicata – se l'attaccante gioca prevalentemente con un piede, posizionati in modo tale da chiudere lo spazio per le giocate col suo piede preferito, spingendolo invece sull'altro lato dove è sicuramente meno pericoloso. Un'avvertenza: se sei un difensore che gioca abitualmente in anticipo, attenzione ai tempi del tuo intervento. Se sbagli l'anticipo con un attaccante rapido, rischi di non avere più possibilità di recuperare.
  3. Attaccante alto e potente. In questo caso vale l'opposto di quanto detto prima: per avere successo con un attaccante "pesante" è preferibile che anche tu sia alto e grosso, perché se, da un lato, una maggior agilità ti agevolerebbe nell'anticipo, dall'altro, minor forza e meno centimetri, ti sarebbero fatali nel gioco aereo. Un attaccante di questo tipo è generalmente pericoloso in due situazioni, entrambe correlate al suo stacco di testa: ovviamente sotto porta e poi come boa capace di controllare o spiazzare i palloni provenienti dai lanci dalle retrovie.
  4. Nel primo caso, oltre alle tue qualità in fatto di muscoli, centimetri ed elevazione, occorrerà usare un po' di scaltrezza (ma l'attaccante farà altrettanto…) e qualche trucco per ostacolare i movimenti del tuo avversario. Ma attenzione all'uso delle braccia all'interno dell'area di rigore: ricorda che se ci sono trattenute evidenti, l'atteggiamento dell'arbitro non è più permissivo come un tempo! Per quanto riguarda la marcatura dell'attaccante che fa' da sponda, se hai buon gioco nel colpo di testa, dovrai allora ingaggiare ripetuti duelli aerei, ma se, come talvolta capita, l'attaccante è un gigante, piuttosto che stargli alle spalle e tentare inutilmente di ostacolare la sua elevazione, ti consiglio di allontanarti e provare invece ad intercettare la sua spiazzata.
  5. Attaccante "da area di rigore". Questo è il classico giocatore pericolosissimo sotto porta, nelle deviazioni, nei tiri sporchi e che ama giocare sul filo del fuorigioco. La cosa principale è avere sempre la massima attenzione. Probabilmente, capiterà che questo tipo di attaccante partecipi poco alla manovra della squadra e che quindi tocchi pochi palloni. E' forse anche un giocatore sul quale avrai buoni risultati nell'anticipo, ma non dovrai mai abbassare la guardia e far calare la tua concentrazione. Il modo migliore per marcarlo è stargli sempre incollato e capire rapidamente il suo modo di muoversi: a lui basta mezzo metro per una deviazione ravvicinata, spesso decisiva!
  6. Questo genere di attaccante userà mezzi non sempre leciti per smarcarsi, tirandoti per la maglia e abbracciandoti e avrà la capacità di condizionare l'arbitro facendo sembrare una sua infrazione come un tuo fallo. Un consiglio: l'attaccante "da area di rigore" ama appoggiarsi su di te e sfruttarti come sponda per girarsi nello stretto o caderti addosso, sperando di speculare un fischio a favore. Per evitare questa situazione, stagli sì vicino, ma evita il contatto fisico.
Ultime Guide e Articoli di Guide sul calcio
Hai trovato interessante questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Commenti dal 1 al 3
(3)

fabi domenica, 23 dicembre 2012

fabi

bè però funziona

n° 3
tont sabato, 22 dicembre 2012

bah!

Chissene

n° 2
Guiok mercoledì, 4 dicembre 2013

R: bah!

> Chissene

Sono 1000 volte meglio di te! domenica, 5 agosto 2012

Bah!

Chissene...

n° 1