Mondiali 2010

Sportlive.it » Mondiali 2010 » Nazionale di Prandelli da rifondare: chi scegliereste?

Nazionale di Prandelli da rifondare: chi scegliereste?

Nuovo ciclo per la nazionale: chi mantenere dei 23 azzurri del Mondiale 2010 e quali giocatori integare per gli Europei 2010?
di Redazione Sportlive.it - 25 giugno 2010

Dopo la disastrosa avventura azzurra ai Mondiali 2010, con l'uscita di scena dopo tre gare pessime, si dovrà forzatamente aprire un nuovo ciclo per la nazionale: Lippi lascerà la panchina a Prandelli, che dovrà decidere chi mantenere dei 23 azzurri portati in Sudafrica e quali nuovi giocatori integare in vista delle qualificazioni agli Europei 2012.

Diciamola tutta: Lippi ha sbagliato l'approccio mentale e tattico della squadra ma in fin dei conti i giocatori validi in Serie A sono davvero pochi. Prandelli dovrà sudare per trovare dei sostituti degni. Scopriamo chi sono:

Portieri: Buffon (confermato) Marchetti (incerto contro la Slovacchia ma ormai un punto fermo) Sirigu (sicuro tra i agazzipali, giovane. E' lui il vero futuro azzurro) Possibili novità: Agazzi (sostituirà Marchetti al Cagliari, ricorda il primo Buffon per agilità e struttura fisica)

Difensori: Dei "senatori" potrebbero dire addio alla maglia azzurra Cannavaro e Zambrotta, eroi nel 2006 e ormai appesantiti in Sudafrica. I restati della spedizione, ovvero Bocchetti, Bonucci, Cassani, Chiellini, Criscito, Maggio sono ancora in grado di fornire un buon contributo, ovviamente se allenati e preparati al meglio.

Possibili novità
: di giocatori di rilievo lasciati a casa ce ne sono davvero pochi. Ranocchia era considerato molto più forte di Bonucci, ma ha subito un grave infortunio al ginocchio e tornerà non prima dell'autunno, Santon si deve ritrovare, Motta non ha convinto a Roma e deve rilanciarsi e De Ceglie si è dimostrato troppo incerto nella fase difensiva e poco propositivo in avanti. Potrebbe tornare in azzurro uno dei "fedelissimi" di Prandelli, ovvero Gamberini. Nulla di nuovo insomma...

Centrocampisti: il primo tempo contro la Slovacchia di Gattuso e le prime due gare di Camoranesi sono state schelotto_1l'emblema della testardaggine di Lippi. Ha schierato giocatori "bolliti" che non hanno mai giocato la palla, anzichè inserire elementi freschi e di carattere come ad esempio Palombo. Dal sampdoriano e da altri bisognerà ricominciare. Prandelli darà come ovvio un'altra chance a Pirlo, che sembra un decano ma che ha "solo" 31 anni ed esperienza e classe da vendere. Montolivo era uno dei pupilli del tecnico ex viola, e nonostante le prestazioni altalenanti sarà un punto fermo della nuova nazionale. Stesso discorso per De Rossi e Marchisio, "rivedibili" quando reintegreranno forza fisica e psichica. Punto interrogativo su Cossu e Pepe.

Possibilità novità
: Poli della Sampdoria, 20 anni, piedi buoni e già titolare in Serie A. Schelotto (ala velocissima e tecnica ma "testa matta" in puro stile Balotelli) Cassano (che novità non è) ma che da trequartista potrebbe risolvere molti problemi di gioco e Candreva (qualità da vendere ma molta incertezza sul ruolo in campo: trequartista o mediano puro?)

marilungoAttacco:
Anche qui il reparto è quasi da rifondare, o quasi: via gli ultratrentenni che hanno deluso ancora una volta, ovvero Di Natale e Iaquinta. Dentro di sicuro un altro flop, Gilardino, che però ha un rapporto speciale con Prandelli, e nuove chanche per Borriello, Pazzini, Quagliarella e Giuseppe Rossi, che sono ancora giovani ma che sono stati frenati dalle scelte incomprensibili di Lippi.

Possibili novità
: Matri, Acquafresca, Balotelli ormai nomi noti pronti per il grande salto. La verà novità su cui puntiamo personalmente è Guido Marilungo 21enne di scuola Samp già titolare dell'Under 21. Tecnica sopraffina, senso del gol innato e fisico asciutto che ricorda il primo Vialli, quello veloce e sgusciante che vinse lo scudetto nel '91 con Mancini nella Sampdoria.

Hai trovato interessante questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?